“Scuola e memoria per non dimenticare”

“Scuola e memoria per non dimenticare”

Presso la sala conferenze dell’ITE Antonino Calabretta, oggi 25 gennaio  in occasione della Giornata della Memoria si è tenuto il convegno “Scuola e memoria per non dimenticare” moderato dai relatori Fausto Pettinato, presidente ANPI Soverato e Germano Di Marco presidente ANED Altavilla Salentina.

In apertura la classe 5 AT partecipa con un rapido intervento per poi esibirsi in uno dei canti più noti della resistenza tedesca: Die Moorsoldaten composto da  alcuni prigionieri in un campo di concentramento.

L’incontro rientra in una campagna nazionale volta a sensibilizzare gli studenti su una delle pagine più brutte dell’umanità: l’Olocausto. Secondo Pettinato la prevenzione non è mai troppa, bisogna quindi interessarsi e rendersiimg_6019 partecipe ad iniziative del genere continuando a sensibilizzare  il tema per evitare che eventi del genere non capitino mai più. Di Marco ha invece illustrato quello che erano le leggi razziali e le deportazioni,  finendo col raccontarci i suoi viaggi in quei luoghi che ancora oggi rendono l’idea dell’orrore vissuto dai prigionieri.

A fine conferenza i relatori rispondono alle domande degli studenti :

Quali sono le vostre considerazioni riguardo la decisione della corte suprema Federale Tedesca di non bandire il partito Neonazista in quanto non rappresenta una minaccia all’ordine democratico?

I governi si sono impegnati e continueranno a fermare questi movimenti quando tendono ad “eccedere”; l’importante è non dimenticare quante persone hanno dato la vita per la nostra libertà, solo la memoria potrà tenerci lontano da questa minaccia.

Cosa pensate del negazionismo?

Il negazionismo c’è e ci sarà sempre, tocca a noi difendere la nostra storia e raccontare quello che è stato.

Quali sono le reazioni degli studenti tedeschi  riguardo l’olocausto e in generale la guerra?

Partiamo col dire che l’innocenza dei bambini è uguale in tutto il mondo, per quanto riguarda i vostri coetanei tedeschi le loro convinzioni, buone o cattive che siano, sono frutto della sensibilizzazione fatta nelle scuole, non abbiamo dubbi dell’ottimo lavoro svolto in questo campo dalla Germania.

-Antonio Barbieri

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...